Il nostro amato vulcano Etna è da tempo immemore legato indissolubilmente a storie, miti e leggende, incantevoli ed affascinanti; che saranno puntualmente approfondite in questa sezione del blog!

In questo primo approfondimento parleremo del nome “Etna”.

L’origine della parola Etna si perde nella nebbia della mitologia. In greco il nome Etna è femminile (Αἰτνα). Esso è il nome di una ninfa, figlia di Urano e di Gea (il Cielo e la Terra) o del Titano Oceano, o del Gigante Briaréo.

Secondo alcune leggende, Aitna si unì un giorno ad Efesto, il dio del fuoco, e da tale unione nacquero i Palici, due gemelli robusti che, con i ciclopi, lo aiutarono nel suo lavoro di fabbro celeste.

Secondo altri racconti invece, i Palici sarebbero figli di Zeus e Talia, figlia di Efesto. In ogni caso, questi nomi sono sempre associati nelle tradizioni locali.

A volte si fa derivare Aitna da αἵυο, verbo che esprime l’azione di bruciare con intenso calore. Questa ipotesi, sebbene comoda, non è convincente. Infatti i primi autori greci (Omero), sembra ignorassero del tutto i fenomeni vulcanici dell’Etna.